a figlio

Il lungometraggio d'esordio dell'acuto regista tunisino Mehdi Barsaoui , “ Il figlio ” inizia con una rappresentazione del mondo arabo che sembra deliberatamente progettata per contrastare i preconcetti degli spettatori occidentali. Riuniti per un picnic, alcuni tunisini cosmopoliti ridono, bevono birra, raccontano barzellette sporche (assicurandosi che i bambini siano fuori portata d'orecchio) e speculano sulla politica. È l'autunno del 2011, meno di un anno dopo la democratizzazione di quel paese, e la vita sociale è più rilassata di prima.

Ma le cose sono ancora pericolose. Dopo l'uscita, Fares ( Sami Bouajila , carismatica e lenta), moglie Meriam ( Najla Ben Abdallah , Boujilla ha pari carisma in un ruolo a suo modo più teso) e il loro giovane figlio Aziz ( Youssef Khemiri ) parti per un weekend a Tatouine. Sulla strada nel pomeriggio, la loro auto viene tesa in un'imboscata dai terroristi e Aziz viene gravemente ferito. Avrà bisogno di un trapianto di fegato se vuole vivere.

E ora arrivano le macerie del passato: il matrimonio apparentemente felice di Fares e Meriam, due professionisti di grande successo, non è stato sempre così felice come quello che abbiamo visto. Entrambi si sono allontanati anni fa e ora Meriam scopre che Fares non è il padre biologico di Aziz. Il suo fegato non va bene per una donazione parziale. E Meriam ha il gruppo sanguigno sbagliato.



Lo straniamento che segue questa rivelazione divide la narrazione. Meriam cerca disperatamente la vecchia fiamma che è il padre naturale di Aziz. E le tariffe...

Ebbene, Fares viene avvicinato da un uomo che sembra essere, come lui, in attesa di notizie di un paziente in ospedale. Presentato solo come 'L'uomo d'affari' nei titoli di coda, e interpretato da un molto sottile Slah M'sadak, all'inizio fa chiacchiere con Fares. 'Questo paese è fottuto' è una delle sue mosse di apertura. Alla fine si passa ai casi. Per $ 150.000 dinari (circa 50.000 dollari), Aziz ottiene un nuovo fegato.

L'uomo d'affari attira gradualmente Fares nella sua piccola ragnatela. Gli mostra una struttura all'avanguardia. Mente, in modo elaborato, da dove provengono gli organi. Si presenta e l'organizzazione che rappresenta come benefattori. E Fares, per orgoglio (ferito e non), per autoillusione e altri difetti caratteriali che a volte si manifestano in modo particolarmente devastante nei maschi, finisce per fare un patto con il diavolo.

Se può districarsi da questo è una domanda che deve essere affrontata nell'ultimo terzo del film. Mentre 'A Son' ha parabole allegoriche con l'evoluzione politica non solo della Tunisia ma dell'intera regione MENA, la recitazione di prim'ordine, gli ambienti molto credibili e la direzione diretta e serrata come un tamburo lo fanno ronzare con un franchezza che pochi film sui problemi sociali possono raccogliere.

Ora in riproduzione in sale selezionate.