Cannes 2022: Il Triangolo della Tristezza vince la Palma d'Oro

La Palma d'Oro al 75° Festival di Cannes è andata a 'Triangolo di tristezza'. È stata la seconda Palme in cinque anni per il regista svedese Ruben Östlund , che ha vinto il premio nel 2017 per “The Square”. Il film, che inizia come una satira dell'industria della moda prima di spostare l'ambientazione su una crociera di lusso e ampliarsi in una critica ai molto, molto ricchi (un trafficante d'armi, un oligarca russo), è stato una sorta di vincitore a sorpresa. Come per l'ultima volta che ha vinto, Östlund ha incoraggiato il pubblico a urlare un 'urlo primordiale di felicità', un riferimento a 'The Square'.

Il Gran Premio della Giuria (secondo posto) è stato condiviso tra Chiudere ”, un film belga di Luca Dhont su una stretta amicizia d'infanzia che incontra la tragedia, e 'Stelle a mezzogiorno' diretto da Claire Dennis , che in passato è stato disprezzato da Cannes. (È il suo primo film in concorso da 'Chocolat' nel 1988.) Vincenzo Lindon , il presidente della giuria, ha recitato in un altro film di Denis proprio quest'anno, “Both Sides of the Blade”, che è stato proiettato a Berlino.

Il miglior regista è andato a Park Chan-wook per 'Decisione di andarsene' il film del regista per eccellenza in cui il regista si fa strada attraverso un incredibilmente complicato, ' Vertigine ”-racconto narrativo con una precisione quasi geometrica.



Il Premio della Giuria (in effetti, il terzo posto) è stato un pareggio “Le otto montagne” e 'Sì.' In quest'ultimo, come in Roberto Bresson 'S ' Balthazar casuale ”, un asino testimonia le debolezze e la crudeltà dell'umanità. Il regista, il veterano regista polacco Jerzy Skolimowski , ha ringraziato per nome tutti e sei gli asini che avevano recitato nel ruolo. Felix van Groeningen, che ha diretto “Le otto montagne” con Charlotte Vandermeersch, ha seguito l'esempio citando gli asini che sono apparsi nel loro film.

Un premio speciale per il 75° anniversario del festival è andato a JeanPierre e Luc Dardenne per 'Tori e Lokita.' I fratelli registi belgi hanno vinto quasi tutti gli altri importanti premi del festival, incluso il Palme (due volte, per ' Rosetta ” e “L'Enfant”), il Gran Premio della Giuria (“The Kid With a Bike”), Miglior Regista (“ giovane Ahmed ”), e Miglior Sceneggiatura (“Il silenzio di Lorna”). Nessun regista ha mai vinto un terzo Palme, ed erano solo quelli che avevano una possibilità quest'anno.

La migliore attrice è andata a Zar Amir Ebrahimi per il suo ruolo di giornalista che cerca di catturare un serial killer Alì Abbasi 'S 'Santo Ragno', che si basa su un caso reale in Iran. Presenta nudità e violenza che normalmente non si vedono nei film iraniani (il film è stato effettivamente girato in Giordania). L'attrice, che secondo il resoconto della cartella stampa ha avuto un'importante carriera in TV in Iran che è stata deragliata dalla fuga di un sex tape, e che ora vive a Parigi, ha ringraziato il cinema per, ha detto, le ha praticamente salvato la vita in tempi bui .

Il miglior attore è andato a Song Kang-ho (' Parassita ”) per il suo ruolo di trafficante di bambini improbabile e di buon cuore – lui e il suo socio in affari vendono bambini a genitori alle prese con il sistema di adozione sudcoreano – nel regista giapponese Hirokazu Kore-eda 'S 'Broker.'

La migliore sceneggiatura è andata a Tarik Saleh , scrittore e regista di 'Boy From Heaven', su un nuovo studente in un'università del Cairo che viene reclutato per essere una talpa. Saleh ha tirato fuori il telefono per filmare il pubblico. 'Sono un regista, ecco perché', ha detto, aggiungendo: 'Potete salutare tutti mia madre?'

Saleh, nato in Svezia, ha detto che non può tornare a quello che ha definito il suo 'secondo paese d'origine', l'Egitto, e che gli è stato chiesto 'se ne valesse la pena fare questo film'. 'Non ne vale la pena', ha detto . 'Dovevo farlo comunque.' Ha dedicato il suo premio ai giovani registi, incoraggiandoli ad alzare la voce e raccontare le loro storie.