Lungo per la corsa

Offerto da

'Along for the Ride', basato sul popolare romanzo rosa di YA di Sara Dessen , ci dice fin dall'inizio cosa ci aspetta. Auden (interpretato da Emma Pasarow con tranquilla pensosità) è quella seria liceale che non va d'accordo con il tradizionale scherzo del diploma, perché crede che 'in quanto atto trasgressivo, è difettoso'. Non che in vita sua abbia mai fatto qualcosa di trasgressivo; è la quintessenza della brava ragazza che ha ottenuto il ruolo d'onore, ha ottenuto una borsa di studio per il college e ammette che era 'più interessata a lavorare sodo in modo che il resto della mia vita potesse essere fantastico'.

Auden si chiede, con l'estate alle porte, se ora potrebbe essere il momento di vedere se riuscirà a dare il via alla grande parte. Ha deciso di stare con il padre e la matrigna, che vivono in una località balneare chiamata Colby. A casa, dice, sa essere solo un tipo di persona. 'Forse se vado a Colby, posso essere qualcun altro.'

Se speri che invece dovrà essere più autenticamente se stessa e che troverà un aiuto in quello da un bel ragazzo adolescente, accompagnato da frequenti micro-dosi di quella che le didascalie chiamano 'musica indie melodica', sei arrivato nel posto giusto. Se vuoi più della prima strofa di una canzone, forse no.



All'inizio, Auden si comporta come se fosse il giorno opposto, non pensando a ciò che vuole, solo a tutto ciò che non ha fatto prima. Ma poi incontra l'equivalente da brava ragazza secondo le regole della leggendaria 'ragazza dei sogni folletto maniacale', che considererò il 'ragazzo dei sogni fauno pieno di sentimento'. Quello è Eli ( Belmont Cameli , in un ruolo progettato per essere una via di mezzo Giovanni Cusack di ' Dì qualsiasi cosa ,” Heath Ledger in ' 10 cose che odio di te ” e Moondoggie in “Gidget”). Si offre di portarla in una 'ricerca' per recuperare tutto lo sciocco divertimento che sua madre seria pensava fosse una perdita di tempo. È un po' solitario, quindi può riunirlo con i suoi amici. È triste e lei può convincerlo a parlarne. E si danno a vicenda la possibilità di raccontare alcune storie e riconoscere alcune verità che non hanno nemmeno ammesso a se stessi.

Il film riceve una spinta da Andie MacDowell nei panni della madre di Auden, che si presenta alla comunità sulla spiaggia color pastello e conchiglie in un nero molto soigné. MacDowell dà il giusto mordente a battute come: 'Dovrai perdonarmi se trovo allarmante la facilità con cui ti sei adattato al mondo della nuova moglie di tuo padre', rendendoci ancora chiaro se non Auden, che è meno per snobismo che per paura di perdere sua figlia mentre esce di casa per il college.

Dessen, che ha anche co-sceneggiato con il regista Sofia Alvarez , ci mostra che non è solo Eli a fare la differenza per Auden. Alcune delle scene migliori del film riguardano lo sviluppo dell'amicizia di Auden con le altre ragazze che lavorano nella boutique della sua matrigna, interpretate da Genevieve Hannelius , Laura Kariuki , e Samia Finnerty . Per fortuna, mentre ci sono alcuni momenti imbarazzanti di adattamento, Dessen bypassa con grazia le trame troppo frequenti su ragazze cattive o incomprensioni, ed è incoraggiante vedere giovani donne intelligenti e sicure di sé che si sostengono a vicenda e si godono sciocche pause di ballo. Ci offre anche un senso di comunità, connessione e tradizione che ricorda Stars Hollow 'Una mamma per amica' e tocca le sfide e l'importanza di aiutare e chiedere aiuto. Soprattutto, Auden ci mostra che aprirsi alla comprensione dei propri sentimenti e al correre dei rischi le dà nuove intuizioni su coloro che la circondano, in particolare i suoi genitori e la matrigna. Si presenta non come qualcun altro, ma come una versione più vera di se stessa. Potrebbe non esserci nulla di nuovo nel messaggio, ma ciò non significa che non abbiamo bisogno di ascoltarlo.

Ora in riproduzione su Netflix.