Mi chiamano Bruce?

Offerto da

Una cosa che noti subito degli eroi di kung fu è che non parlano molto. Sono uomini d'azione. Si scambiano un paio di brevi parole:

Hai offeso il mio onore!

Ah! Ah! Ora ti uccido!



E poi si strinsero l'uno nell'altro con pugni, piedi, gomiti e unghie. Anche nelle prime scene, quando preparano la trama, mantengono i dialoghi al minimo. L'eroico esperto di kung fu va al tempio per parlare con un maestro dalla lunga barba, che dice qualcosa del tipo: 'Gli studenti di Wong hanno offeso l'onore del tempio!' E poi l'eroe risponde: 'Ah! Ah! Ora li ucciderò!'

Il motivo della scarsità di dialoghi nella maggior parte dei film di kung fu è facile da spiegare. Sono prodotti in serie a Hong Kong e spediti in tutto il mondo. Meno parole, meno costerà il doppiaggio.

I creatori di ' Mi chiamano Bruce ' non mirano a un pubblico globale. Stanno facendo una parodia di film di kung-fu per lo stesso pubblico americano che è andato a ' Aereo! ,' ' Aereo II - Il sequel ' e 'Jekyll & Hyde... Di nuovo insieme.' Ciò consente loro di andare a lungo sul dialogo e a corto di azione, e nel processo perdono tutta la loro vena satirica.

'They Call Me Bruce' ha alcune scene d'azione divertenti, pochissime, ma la maggior parte delle volte il suo umorismo dipende da giochi di parole e altre battute deboli di Johnny Yune , che interpreta il suo eroe. Yune ha anche il merito di aver contribuito a scrivere la sceneggiatura -- e posso crederci, dal momento che molti dei suoi dialoghi suonano come se fossero stati inventati sul posto.

La trama è allegramente idiota. La mafia vuole spedire della cocaina dalla costa occidentale a New York, mascherata da una marca speciale di farina orientale. Così il massimo mafioso incarica il suo cuoco cinese, Bruce, di portare la droga all'Est, scortato da un fidato autista. Lungo la strada, entrano nelle solite avventure, inclusi incontri con mafiosi a Las Vegas e Chicago. (Con un tocco di colore locale toccante, il film include immagini stock di Lake Shore Drive e South Wabash per stabilire le sue location a Chicago, anche se tutte le scene con Johnny Yune sono girate in interni.)

Il personaggio di Yune è un beato idiota, a Jerry Lewis ricostruito specializzato in pessimi giochi di parole. Esempio: 'Se conoscessi il sushi, come io conosco il sushi'. Ha i suoi momenti divertenti, però, specialmente nei ricordi di flashback del vecchio saggio Maestro. 'Ricorda sempre, figliolo, dai un calcio all'inguine!'

Il vero problema con 'They Call Me Bruce' è che è una satira di un genere quasi a prova di satira. I veri film di kung-fu sono così poco plausibili e così folli che è difficile fare una satira che non copra semplicemente lo stesso terreno.