Un falso paparazzo, tanti film, storie divertenti e io cammino sul tappeto rosso

Il totale giornaliero delle volte in cui sono stato sbattuto da qualcuno o quasi investito da un'auto sta lentamente diminuendo con l'aumentare dei miei giorni a Cannes. Essere a Cannes richiede un po' di aggiustamento, ma ora mi sento come se potessi sfoggiare la mia conoscenza di tutto ciò che riguarda Cannes. Ho imparato molto su questo festival da quando sono arrivato. Ho finalmente imparato il complicato sistema di classi a Cannes che viene esibito attraverso i badge. Si comincia con un abbonamento Cinephile, poi Festival, poi Marché e fino agli ambitissimi badge della Stampa. Tra questi il ​​migliore è il badge stampa bianco che consente l'accesso a proiezioni private e biglietti per ogni prima. Vorrei ritrattare la mia affermazione sul fatto che Cannes sia tutto incentrato sul divertimento. Il business che accade a questo festival è ciò che lo tiene in giro. Il mercato al livello inferiore del Palais, dove le aziende comprano e vendono film, è sempre affollato e nel corso degli anni diversi film sono stati venduti a cena oa pranzo in uno dei favolosi ristoranti dell'hotel.